Il Controllore Centrale di Impianto di Phoenix Contact ha superato tutti i test per la conformità CEI 0-16.

Come gestire la rete elettrica in maniera "intelligente"?

In un contesto di "smart grid", la rete all’interno degli impianti di media tensione deve essere in grado di gestire i picchi e distribuire al meglio l’energia prodotta, anche in presenza di più sottostazioni.

Ottimizzare l’energia, farne un uso più razionale, minimizzare al contempo eventuali sovraccarichi e variazioni della tensione, sono tutti elementi cardine per una gestione efficiente dell’energia, alla cui base è necessaria un’attività di monitoraggio importante. Per raggiungere questo livello di efficienza, è necessario per prima cosa adeguare l’impianto secondo le disposizioni di legge e preservarlo da interruzioni di servizio, anomalie o guasti.

Purtroppo, molto spesso si procrastina tale adempimento, l’impianto non è a norma o non ha installati adeguati dispositivi di monitoraggio e spesso avvengono anomalie al sistema, interrompendo l’erogazione dell’energia. La situazione diventa ancor più grave quando il distributore di energia contesta il disservizio per la non erogazione e richiede un risarcimento del danno, come stabilito dalla legge.

Un altro aspetto da non sottovalutare è la sicurezza della rete, la sua stabilità: il non corretto adeguamento dell’impianto di media tensione comporta anche rischi importanti in termini di Cyber Security!

Adeguare impianti energia secondo CEI 0-16

Perché allora non adeguare l’impianto e porre fine a inutili rischi?

Il 30/11/2021 è stata pubblicata la delibera ARERA 540/2021/R/EEL che istituisce un nuovo obbligo di adeguamento tecnico ai proprietari di impianti di produzione di energia elettrica pari o superiori a 1MW in media tensione. L’obbligo riguarda sia gli impianti nuovi, che esistenti.

Il CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano), con le varianti V1 e V2 della norma 0-16, ha così introdotto il Controllore Centrale di Impianto (CCI). Un sistema che, installato al punto di consegna, permette ai gestori della rete di trasmissione di monitorare le principali grandezze elettriche e regolare, attraverso il controllo da remoto, l’impianto di produzione rendendolo partecipe al bilanciamento della rete, consentendo un uso più efficiente della stessa.
Ecco come la norma CEI 0-16 definisce il CCI:

“Il CCI è quell’apparato che ha il compito di:
• coordinare il funzionamento dei diversi elementi costituenti l'impianto affinché l’impianto stesso operi in maniera da soddisfare sia le richieste del DSO al punto di connessione con la rete elettrica sia quelle di eventuali ulteriori operatori (regolazione e controllo);
• raccogliere dall’impianto informazioni utili al fine della osservabilità della rete e convogliarle verso il DSO (scambio dati).”

Le linee guida europee del sistema di trasmissione di energia elettrica (SOGL) sanciscono l’importanza del monitoraggio e del controllo della generazione distribuita (DER), in particolare da fonte rinnovabile (RES) e hanno reso obbligatorio l’utilizzo del CCI per IMPIANTI NUOVI dal 1° Dicembre 2022, e l’adeguamento per gli IMPIANTI ESISTENTI entro il 31 Gennaio 2024.

Gli incentivi statali e gli obblighi di osservabilità secondo CEI 0-16

Gli incentivi statali e gli obblighi di osservabilità secondo CEI 0-16

L’Autorità ha previsto l’erogazione di un contributo forfettario per l’adeguamento degli impianti di produzione esistenti, che varia in base alle tempistiche di adeguamento:

  • € 10.000, entro il 31 marzo 2023;
  • € 7.500, entro il 30 giugno 2023;
  • € 5.000, entro il 30 settembre 2023;
  • € 2.500, entro il 31 gennaio 2024.

Per gli impianti di produzione nuovi, ossia entrati in esercizio dal 1° dicembre 2022, non vi è riconosciuto alcun contributo. I produttori dovranno quindi installare, entro il 31 Gennaio 2024, un nuovo apparato in campo e un adeguato sistema di comunicazione che permettano lo scambio dei dati con il DSO e il TSO secondo le modalità disciplinate dagli Allegati O e T della Norma CEI 0-16.

In particolare, il CCI deve comunicare, da un lato, con le unità di produzione, dall’altro, con il distributore DSO attraverso il protocollo IEC 61850, secondo lo standard IEC 62351 (dati crittografati). Chi non adegua i propri impianti alla norma CEI 0-16, entro la data stabilita, e non implementa quindi il CCI nel proprio impianto, sarà ritenuto non conforme e rischia di perdere l’incentivo sulla vendita dell’energia, e di non essere connesso alla rete MT.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI
Architettura del Controllore centrale d’impianto PLCnext Technology

Architettura del Controllore centrale d’impianto PLCnext Technology

Il Controllore Centrale di Impianto PLCnext Technology ha superato tutti i test per la conformità CEI 0-16 e supporta i seguenti protocolli in ambito Energy:

  • Protocollo comunicazione IEC 61850
  • Protocollo di crittografia TLS secondo lo standard IEC 62351-3
  • Protocollo IEC 60870-5-104 e 60870-5-101
  • Protocollo DNP3
  • Protocollo ModBus TCP e RTU
  • Protocollo MQTT

PLCnext Technology risponde pienamente ai requisiti delle norme di riferimento, come ad esempio la compatibilità elettromagnetica, l’immunità ai disturbi e le protezioni EMC, ha inoltre superato i test climatici e i test di sicurezza elettrica.

Il CCI intelligente per una rete sicura e stabile

PLCnext Technology è un ecosistema che comprende un’eccezionale varietà di controllori scalabili, di diverse prestazioni, con VPN integrata in modo nativo. Il suo ecosistema è aperto ai più comuni linguaggi di programmazione e, essendo conforme alla IEC 62443, consente anche l’installazione di applicativi di terzi, effettuando un collegamento da remoto in totale sicurezza.

Icona 5G industriale

Il Controllore Centrale di Impianto PLCnext Technology ha superato tutti i test di laboratorio per la conformità CEI 0-16.

Icona Time-Sensitive Networking

Permette il monitoraggio degli impianti in conformità alla IEC 61850, integrando in un solo PLC sistemi e processi per l’acquisizione dei dati.

Icona Single Pair Ethernet

Conforme allo standard IEC 62351-3, per la trasmissione dei dati cifrati secondo TLS e autenticazione dei messaggi, oltre alla comunicazione seriale o Ethernet.

Icona Standard di comunicazione

Accesso allo scada WEB per monitorare da remoto l'andamento dell'impianto e inviare avvisi di potenziali malfunzionamenti o anomalie al gestore.

Icona PLCnext Technology

Impianto più efficiente grazie alla riduzione delle interruzioni di rete e un'erogazione continua del servizio ai clienti connessi alla linea.

Icona Ambienti di sviluppo low-code

Primo Controllore certificato IEC 62443: soddisfa i rigidi criteri di Cyber Security e consente di creare un’infrastruttura sicura e stabile nel tempo.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Caratteristiche aggiuntive di PLCnext Technology



PLCnext Technology svolge molteplici funzioni, non è solo un controllore, è una piattaforma di controllo aperta che consente di realizzare applicazioni IIOT senza vincoli sull’ambiente di sviluppo e integra funzioni Industry 4.0 con estrema flessibilità su impianti nuovi o già esistenti.


Al di là della programmazione standard secondo IEC 61131-3, con PLCnext Technology è possibile programmare in parallelo e combinare linguaggi di programmazione come C/C++, C# o MATLAB® Simulink® in tempo reale.


PLCnext Technology offre la possibilità di comunicare verso il Cloud e di storicizzare i dati con estrema facilità. Grazie all’utilizzo del ns NTP Server è possibile fornire un timestamp agli eventi e inviare al TSO tramite il DSO tali eventi.


Perché PLCnext Technology è il migliore CCI?

- Ha superato i test funzionali dei laboratori ENEL
- Soddisfa i requisiti IEC 61850, IEC 62443 e IEC 62351-3
- Ha un’architettura aperta, perfettamente personalizzabile secondo configurazioni modulari
- È scalabile e permette di adattarsi facilmente alle necessità progettuali del cliente
- È aperto a diversi protocolli di comunicazione e consente una facile integrazione di software di terze parti.

Soluzioni per impianti di energia in medio-alta tensione

Scopri le altre nostre soluzioni per impianti di energia in medio-alta tensione

Oltre alla piattaforma di controllo aperta PLCnext Technology, offriamo una vasta gamma di componenti e soluzioni per impianti di energia in medio-alta tensione.
I sistemi e le innovazioni proposti favoriscono una gestione ottimale dell’impianto e delle sottostazioni, svolgendo le seguenti funzioni:

Logo STE Energy

Il nostro Partner di fiducia

Collaboriamo con STE ENERGY S.r.l., system integrator di settore, player riconosciuto a livello internazionale, con alle spalle la realizzazione di progetti complessi grazie alle sue conoscenze ingegneristiche multidisciplinari e alle eccellenti capacità di project management nei settori delle energie rinnovabili e delle infrastrutture elettriche.

Grazie alla stretta collaborazione con STE ENERGY S.r.l., possiamo offrire ai gestori degli impianti un servizio completo, dallo studio dell’impianto, alla configurazione del CCI, fino alla messa in servizio, secondo le normative vigenti e ponendo particolare attenzione alla gestione ottimale e intelligente dell’energia.

Vai al sito web STE Energy

Assistenza per il Controllore centrale d’impianto PLCnext Technology
Desideri avere maggiori informazioni?
Invia una mail ai nostri esperti del settore Energy e chiedi un consulto gratuito.
RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI